Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Igort, il paesaggio segreto

(2013 - 37')

Genre: Arts & Culture & Biography & Human Interest
Synopsis: Igor Tuveri, in arte Igort è un autore di graphic novel, inizia la sua carriera a Bologna sul finire degli anni settanta, collaborando a numero...

continue

  

SmoKings

(2015 - 90')

Genre: Biography & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: I fratelli Messina sono i proprietari di Yesmoke, una piccola fabbrica di sigarette con sede a Settimo Torinese, in Piemonte, Italia. Inizialmente Y...

continue

  

Dom novogo byta

(2013 - 47')

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & History
Synopsis: Dom Novogo Byta è il diario di una esplorazione dei paesaggi costruiti ed immaginari di Mosca. Il film mette a confronto le visioni utopistiche...

continue

  

Dell'arte della guerra

(2012 - 85')

Genre: Human Interest
Synopsis: Milano, agosto 2009. Quattro operai salgono su un carroponte a 20 metri di altezza all'interno del capannone della INNSE, la storica INNOCENTI di ...

continue

  

Dieci giorni all'inferno

(2013 - 25')

Genre: History
Synopsis: Speciale DVD . Un documento eccezionale in occasione del 70° anniversario della "Ritirata di Russia" . La testimonianza dei reduci di qu...

continue

FILMS

Togliatti(grad)


Titolo inglese: Togliatti(grad)
Anno: 2013
Durata: 70'
Regista: Federico Schiavi & Gian Piero Palombini
Direttore della fotografia: Marco Pasquini

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: russian/italian
Sottotitolo: english
Genere: History
Tema: Economia - Migrazione - Politica & Società - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione

Nome: Federico
Cognome: Schiavi
Società: NACNE SAS
E-mail: nacnesas@gmail.com

Sinossi:
Togliattigrad, città simbolo dell’incontro tra due visioni del mondo in totale contrasto; da una parte la Fiat di Torino, simbolo del capitalismo e del blocco anticomunista e dall’altra l’Unione Sovietica, icona dell’opposizione socialista al modello economico occidentale. Grazie al racconto dei testimoni diretti, partecipiamo ad un’epopea in cui il sogno di un’industrializzazione controllata e l’inquadramento e la gestione attenta delle vite dei lavoratori, rendono queste due visioni sorprendentemente coincidenti. Nel cuore ghiacciato della steppa russa riviviamo i 36 mesi della costruzione di una città da 400.000 abitanti attorno ad una fabbrica da 600.000 auto l’anno. Italiani, russi, francesi e tedeschi si ritrovano accomunati in un unico intento tra amicizie, dissapori, amori riusciti ed altri falliti. Generazioni di creativi e tecnici disegnavano, progettavano e realizzavano automobili diventate, attraverso gli anni, veri e propri gioielli di design e tecnologia. Oggi, con la fine dell’impero sovietico e l’affermarsi dell’economia globale, essi sono stati irrimediabilmente soppiantati da un sistema più efficace e più deciso nell’affrontare un nuovo modello di sviluppo e di organizzazione del lavoro. La LADA e lo stabilimento AUTOVAZ, un tempo vettori di un’impresa epica unica nella storia italiana, oggi issano bandiera francese. Sono ormai controllate della Renault e quel sogno italiano sembra essersi dissolto per sempre.