Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Resistenza Naturale

(2014 - 85')

Genre: Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: Dalle Marche alla Toscana, dall’Emilia Romagna al Piemonte, quattro storie diverse unite da un unico e profondo amore: quello per la propria terra. Di...

continue

  

Daimon

(2016 - 90')

Genre: Biography & Kids & Personal Viewpoint
Synopsis: Daimon è un film sulla maternità che racconta di quattro donne e del rapporto con i loro figli. Si va dalla gravidanza di Lucy ai primi ...

continue

  

Tempo Pieno

(2015 - 52')

Genre: Educational
Synopsis: "Tempo Pieno" testimonia di un’ esperienza “stra-ordinaria” di scuola pubblica. Il documentario racconta di una pedagogia costantemente in ...

continue

  

filosofare

(2014 - 50')

Genre: Educational & Human Interest & Kids
Synopsis: “Filosofare” è un documentario frutto di un progetto che ha coinvolto circa 100 bambini delle scuole per l'infanzia di Rimini. Girato sulla fal...

continue

  

Varvilla

(2014 - 75')

Genre: Biography & Nature & Environment
Synopsis: Alle porte del parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano, nell'alta val d'Enza, più precisamente a Succiso di Ramiseto in provincia di Regg...

continue

FILMS

Il muro e la bambina


Titolo inglese: Me and my wall
Anno: 2013
Durata: 54'
Regista: Silvia Staderoli
Direttore della fotografia: Bruno Fundarò
Montatore: Ilaria Fraioli
Società di produzione: Vivo film & PICOFILMS

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Biography
Paese di produzione: Italia
Data Uscita: 01-01-2013

Nome: Marta
Cognome: Donzelli
Società: Vivo film
E-mail: martadonzelli@vivofilm.it

Sinossi:
Silvia Staderoli parte per un viaggio alla (ri)scoperta di quei territori comuni alla sua memoria e a quella della sua città natale, La Spezia. Lei, che ha smarrito la sua identità quando era ancora bambina, durante gli anni del divorzio dei suoi genitori e quando suo padre si ammalò di schizofrenia. Durante quest’infanzia, anche La Spezia ha perso la sua identità, smarrendo la sua chimera, quella di essere la città militare più importante in Italia. Silvia Staderoli racconta queste due storie di perdita identitaria attraverso un film in cui la sfera intima e quella storica interagiscono, si sfiorano, si compenetrano. In cui il suo spazio privato entra in connessione con il territorio della città, alla ricerca d’interferenze, legami e corrispondenze possibili tra La Spezia e la sua infanzia, tra gli spazi privati dei suoi genitori e le zone militari, quegli spazi tabù rimasti per anni inviolabili. Corrispondenze che fanno dell’una la cassa di risonanza dell’altra.