Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Gli Occhi più azzurri

(2011 - 46')

Genre: History
Synopsis: Quello che resta delle città dopo i bombardamenti è solo miseria e distruzione. Il popolo italiano è diviso da una scelta che in...

continue

  

Il Segreto

(2013 - 89')

Genre: Arts & Culture & Kids & Personal Viewpoint
Synopsis: In molti quartieri di Napoli la raccolta degli alberi per il falò del giorno di Sant’Antonio è una tradizione, un rito, un gioco avventu...

continue

  

I'M Festival

(2014 - 20')

Genre: Arts & Culture & Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Marclin, Turclùa. Ibralùm è un bambino che lavora nel piccolo bar cli suo nonno e come ogrù anno aspetta cli rincorrere ...

continue

  

LINA MANGIACAPRE ARTISTA DEL FEMMINISMO

(2015 - 42')

Genre: Arts & Culture & Biography
Synopsis: Il documentario è un omaggio a una straordinaria protagonista del femminismo napoletano che ha lasciato una vasta produzione come pittrice, rom...

continue

  

I Bambini sanno

(2015 - 140')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: “I bambini sanno”, è il nuovo film di Walter Veltroni, ex sindaco di Roma, un viaggio nell’infanzia raccontato attraverso gli occhi, i volti e ...

continue

FILMS

Gli occhi pù azzurri


Titolo inglese: The bluest eyes
Anno: 2010
Durata: 46'
Regista: Manolo Turri & Simona Cappiello
Montatore: Manolo Turri
Società di produzione: Chiaromonte Fondazione & Parteutile

Colore: Color
Formato: MINI DV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiana
Sottotitolo: una storia di popolo
Genere: Docu-fiction & Educational & History
Tema: Infanzia & Adolescenza - Politica & Società - Storia contemporanea - Storie al femminile
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 05-02-2011

Nome: Simona
Cognome: Cappiello
E-mail: simonacappiello@gmail.com

Sinossi:
Quello che resta delle città dopo i bombardamenti è solo miseria e distruzione. Il popolo italiano è diviso da una scelta che infiamma gli animi: monarchia o repubblica? Nella situazione generale, densa di fermenti e attese, un gruppo di giovani comunisti fonda i “Comitati per la salvezza dei bambini”. Napoli, gennaio 1947 E’ notte, la stazione Garibaldi è un cumulo di macerie, ma le banchine sono già piene di bambini, scugnizzi per lo più, maschi e femmine dai cinque ai dodici anni che si accalcano sull’unico binario funzionante in attesa di partire. I canti, gli abbracci, i saluti e le lacrime. Il dolore della separazione dalle famiglie è lo scotto da pagare per sopravvivere agli stenti. Per alcuni mesi quei bimbi sono “adottati” da altre famiglie, in un Nord solidale ed accogliente, meno colpito dalla fame e dalla guerra. Ne partirono 70.000 da tutto il sud e molte regioni rispondono all’appello: Toscana, Umbria, Lombardia, Liguria, Piemonte, ma il primato spettò all’Emilia rossa. Un viaggio che sessant’anni fa avvicinò due “Italie” distanti per lingua e cultura, nell’ intento comune di dare una speranza alla parte più indifesa della popolazione. Oltre alle interviste ai bambini di allora, spiccano le testimonianze dell’ ex sindaco di Napoli Senatore Maurizio Valenzi, della moglie Litza Cittanova e della Senatrice Luciana Viviani, organizzatori del Comitato napoletano e del regista Carlo Lizzani, allora documentarista per il Partito Comunista Italiano.