Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Pensare la pietra

(2016 - 11')

Genre: Biography & Ethnography
Synopsis: Nella Laga profonda ci sono paesi che resistono e ci sono i faggi, i funghi e le pietre. E c'è chi con le pietre lavora, crea, pensa. Serafino ...

continue

  

Pagani

(2016 - 52')

Genre: Arts & Culture & Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: Nel profondo sud dell'Italia sopravvivono antichi sincretismi religiosi legati alla Madre Terra. A Pagani, nei pressi di Pompei, sette giorni dopo Pa...

continue

  

LA QUINTA GENERAZIONE

(2015 - 74')

Genre: Biography & Human Interest & Lifestyle
Synopsis: Daniel Berquiny, fondatore del Parco Zoo delle Star, salva accudisce e ammaestra animali; eppure la sensazione è che sia proprio lui quello a r...

continue

  

Il Filo dell'Acqua

(2016 - 72')

Genre: Biography & Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: Chiara Vigo è l'ultima superstite che intesse il Bisso Marino, il filo dorato con cui venivano create le vesti dei sacerdoti e dei faraoni. Ci...

continue

  

GLI ULTIMI BUTTERI

(2018 - 96')

Genre: Ethnography & Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: Ad Alberese, nella Maremma toscana, sono rimasti gli ultimi tre butteri, uomini eroici che praticano ancora l'allevamento allo stato brado di bovini, ...

continue

FILMS

Lo strano suono della felicità


Titolo inglese: the strange sound of happiness
Anno: 2014
Durata: 1'
Regista: Diego Pascal Panarello
Direttore della fotografia: Diego Pascal Panarello & Roland Wagner & Luca Bigazzi
Società di produzione: Stefilm International S.r.l. & Kick Film & Zori Film


Lingua originale: italiano


Sinossi:
La felicità è uno stato d’animo che non si può acquistare, ma che si ricerca e conquista anche attraverso gli oggetti più semplici. “Quando suono lo scacciapensieri, le sue vibrazioni mi massaggiano il cervello trascinandomi verso uno stato di felicità” dice il maestro yacuto Spiridon Shishigin. In un viaggio dalla Sicilia alla Yacutia, Diego il filmmaker. incontra l’ultimo fabbro sulle pendici dell’Etna che forgia lo strumento e poi lo svizzero Anton Bruhin ed i suoi legami musicali con lo spazio e l’Austria dove lo scacciapensieri intona odi alle montagne fino ad essere dichiarato dall’Unesco “patrimonio dell’umanità”. Dall’Ungheria, dove vive il più importante costruttore al mondo di scacciapensieri, Diego raggiunge le steppe siberiane, in Yacutia, dove è lo strumento nazionale: qui donne, uomini e bambini lo suonano per invocare la felicità. Qui Diego è accolto come un mitico eroe. Il film ripercorre miti, leggende e vita quotidiana di questo oggetto diffuso in tutto il mondo e chiave simbolica per aprire le porte dell’anima e della mente.