Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Anija- la nave

(2012 - 80')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: Nei primi giorni di marzo del 1991, all’orizzonte della costa Adriatica dell’Italia meridionale fecero la loro apparizione fantasmagorica alcune navi ...

continue

  

fuori dalle mura

(2015 - 76')

Genre: Human Interest
Synopsis: Il film nasce dall’esigenza di raccontare il quartiere di Ponte Armellina, una zona della città Urbino abitata esclusivamente da immigrati. Un ...

continue

  

Redemption song

(2015 - 72')

Genre: Docu-Reality & Educational & Human Interest
Synopsis: Redemption song, il canto di redenzione che Cissoko sogna per la sua gente e la sua terra. Profugo di guerra, Cissoko, giunto dalla Libia in Italia ...

continue

  

A tempo debito

(2015 - 82')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Padua’s temporary jail is overcrowded. A small crew enters the jail to shoot a short film written and played by some detainees. After a real casting,...

continue

  

IL BALLO DEI GIGANTI DI NOLA

(2015 - 90')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Da secoli a Nola (Napoli) in giugno si celebra la Festa dei Gigli in onore di San Paolino. Ogni anno centinaia di Nolani emigrati nel mondo tornano, ...

continue

FILMS

La nave dolce


Titolo inglese: The Human Cargo
Anno: 2012
Durata: 90'
Regista: Daniele Vicari
Società di produzione: Indigo Film S.r.l.

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: italiano
Genere: Educational & History & Human Interest
Tema: Emarginazione sociale - Guerra & Conflitti - Mass media & informazione - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 08-11-2012
Sito web: visita il sito

Nome: Carlotta
Cognome: Calori
Società: Indigo Film
E-mail: info@indigofilm.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
L’8 agosto 1991 una nave albanese, carica di ventimila persone, giunge nel porto di Bari. La nave si chiama Vlora. Le operazioni di attracco sono difficili, qualcuno si butta in mare per raggiungere la terraferma a nuoto, molti urlano in coro “Italia, Italia” facendo il segno di vittoria con le dita. Sono passati ventuno anni da quel giorno. La maggior parte di coloro che salirono sulla nave, carica di zucchero, vennero rispediti in Albania ma gli sbarchi continuarono e qualcuno tentò ancora la traversata. Oggi vivono in Italia quattro milioni e mezzo di stranieri.


Note:
Nel 1991 avevo 24 anni ed ero uno studente universitario impegnato politicamente. Di quell’anno ricordo bene gli avvenimenti. Avvenimenti epocali come la guerra in Iraq, lo scioglimento dell’Urss e l’arrivo della Vlora.
Lavorare sui repertori cinematografici o televisivi di eventi così importanti è un po’ come lavorare “dentro” la coscienza collettiva. E’ una grande responsabilità quella di utilizzare repertori per costruire narrazioni, perché in quei repertori c’è la morte, c’è la disperazione, ci sono i desideri e le frustrazioni di esseri umani in carne ed ossa, c’è la vita vera.


Festival:
69.Mostra del Cinema di Venezia/Premio Pasinetti
Tirana International Film Festival
Zagreb Human Rights Film Festival
Madrid Italian Film Festival