Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

Cadenza d'inganno

(2011 - 55')

Genre: Biography & Ethnography
Synopsis: Nel 2003, il regista si imbatte in un ragazzo borderline, e decide di filmarne l'esistenza turbolenta. Incontra altri bambini del vicinato, raccoglie ...

continue

  

(R)esistenza

(2011 - 82')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires & Nature & Environment
Synopsis: (R)esistenza racconta otto storie di resistenza civile a Scampia, il noto e problematico quartiere alla periferia nord di Napoli descritto anche in Go...

continue

  

Africa napoli: luoghi e colori dellinterazione

(2000 - 15')

Genre: Personal Viewpoint
Synopsis: attraverso interviste e ricordi si dispana la storia di immigrati africani, il cui arrivo e inserimento in una società diversa insieme alleloro...

continue

  

Napolislam

(2015 - 75')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires & Personal Viewpoint
Synopsis: Un bel giorno Napoli si sveglia e si scopre islamica. Una telecamera attraversa la città ed entra nelle vite di dieci convertiti all’Islam, ...

continue

  

O'mast

(2011 - 67')

Genre: Arts & Culture & Lifestyle
Synopsis: O’Mast in napoletano significa maestro. Ma anche mastro di bottega, titolare, datore di lavoro. E, in certi ambienti, qualcosa di più. O’Mast...

continue

FILMS

cose belle

altre informazioni
contatti

Le cose belle


Titolo inglese: The good things
Anno: 2013
Durata: 87'
Regista: Giovanni Piperno & Agostino Ferrente
Autore: Giovanni Piperno & Agostino Ferrente
Direttore della fotografia: Giovanni Piperno
Montatore: Paolo Petrucci & Roberta Cruciani
Musiche: Canio Loguercio
Società di produzione: Film Bianca & Parallelo41 & MC Pirata
Distribuzione: Cinecittà Luce Spa

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano/dialetto napoletano
Genere: Human Interest
Tema: Infanzia & Adolescenza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 28-10-2013

Nome: natalia
Cognome: paoletti
Società: studio legale paoletti
E-mail: nat.pao69@tiscali.it

Sinossi:
Quattro vite a confronto nella Napoli piena di speranza del 1999 ed in quella paralizzata di oggi. La fatica di diventare adulti attraverso gli occhi di quattro ragazzi napoletani: Fabio ed Enzo, due maschietti dodicenni ancora bambini, e Adele e Silvana, due signorinelle quattordicenni. Quattro sguardi pieni di bellezza, tristezza, ironia, ingenuità, cinismo. E soprattutto radiosi di quella luce speciale che solo a quell’età possiede chi ancora sogna le cose belle. Ma già allora, nel ’99, quando girammo Intervista a mia madre un documentario per la televisione che voleva raccontare dei frammenti di adolescenza a Napoli, i nostri quattro protagonisti ostentavano scaramantico disincanto: perché la catastrofe, sempre in agguato nella loro città, è una minaccia nonché un alibi che rende le vite dei napoletani immobili, e loro lo sapevano, per istinto e per educazione. Dieci anni dopo siamo tornati a filmarli: oggi, nel 2012, alle cose belle, i nostri ragazzi non credono più: forse, sono già passate.


Note:
Dieci anni e tre sindaci dopo, passando dal “rinascimento culturale” che attirava artisti da tutto il mondo, alla Gomorra raccontata da Saviano, siamo tornati a filmarli, inseguendoli per un arco di tre anni: nel 2012, alle cose belle, i nostri ragazzi non credono più: forse sono già passate! O forse le cose belle non vanno cercate né nel futuro e né nel passato, ma in quel presente vissuto con la straziante bellezza dell’attesa, dell’incerto vivere alla giornata, della lotta per una esistenza dignitosa: nuotando talvolta controcorrente e talvolta lasciandosi trasportare dalle onde


Festival:
Giornate degli Autori, Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2012, miglior documentario Salina Doc Fest 2012, segnalazione speciale della giuria nel concorso lungometraggi Med Film Festival 2012. Prix Azzeddine Meddour pour la Première Oeuvre al Festival Internazionale del Cinema Mediterraneo di Tétouan, 2013, menzione speciale della giuria e premio Casa Rossa del Bellaria Film Festival 2013.