Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

L' ULTIMA SPIAGGIA. Pola fra la strage di Vergarolla e l'esodo

(2016 - 89')

Genre: Crime & Docu-fiction & History
Synopsis: Il 18 agosto 1946, sulla spiaggia polesana di Vergarolla, la comunità italiana della città – enclave di Zona A sotto incessante pression...

continue

  

22 marzo 1944: forse solo un'idea poté dire che cos'è il morire a Montalto

(2015 - 35')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Era il 28 febbraio del 1944, quando una trentina di giovani di Tolentino al comando del maresciallo Ennio Proietti decisero di non arruolarsi nell' es...

continue

  

If Only I Were That Warrior

(2015 - 72')

Genre: Biography & History
Synopsis: 12 Agosto 2012: il comune di Affile (RM) inaugura un monumento dedicato al gerarca fascista Rodolfo Graziani, generale durante la Guerra d’Etiopia del...

continue

  

Una nuova scintilla

(2014 - 66')

Genre: Docu-Reality & History
Synopsis: “Una Nuova scintilla” prende origine dalla scoperta della regista di avere avuto un nonno partigiano, tipografo clandestino durante il biennio resiste...

continue

  

Emilia rossa, cuore nero

(2013 - 45')

Genre: Human Interest
Synopsis: Nella terra rossa per eccellenza, certe contrapposizioni di un tempo si ripropongono in modi nuovi, magari meno violenti ma comunque problematici. D...

continue

FILMS

Italiani per Scelta


Titolo inglese: Italians by choice
Anno: 2012
Durata: 49'
Regista: Nevio Casadio
Direttore della fotografia: Fabrizio Fantini
Producer: Chiara Roncagli

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: History & Human Interest
Tema: Guerra & Conflitti - Popoli & tradizioni - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 10-02-2012
Sito web: visita il sito

Nome: Chiara
Cognome: Roncagli
Società: LaDamaSognatrice Produzioni Audiovisive in HD
E-mail: produzione@ladamasognatrice.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Tra il 1944 e la fine degli anni Cinquanta gran parte degli italiani residenti a Fiume, Istria e Dalmazia, abbandonò la casa, il lavoro e gli affetti. Secondo le stime più attendibili, un numero oscillante tra 300.000 e 350.000 unità. Donne, uomini, vecchi e bambini costretti all’esilio, spinti dalla perdita delle proprie terre, cedute alla Yugoslavia di Tito che aveva appena vinto la guerra di liberazione contro il nazi-fascismo. Un esodo drammatico, indotto in prima persona dal medesimo Tito che, a partire dal 1945, aveva inviato in Istria diversi agenti allo scopo di indurre gli italiani ad andar via, adottando la stessa arma di chi aveva sconfitto: l’arma del terrore. Prima e durante questo esodo, altre migliaia di italiani furono uccisi: i loro corpi scaraventati nelle foibe o annegati nel mare davanti a Zara. Un intreccio di vendette, giustizialismi sommari e rivalse sociali. Un’autentica pulizia etnica per sradicare la presenza italiana da quella che era, e cessò di essere, la Venezia Giulia.