Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

L' ULTIMA SPIAGGIA. Pola fra la strage di Vergarolla e l'esodo

(2016 - 89')

Genre: Crime & Docu-fiction & History
Synopsis: Il 18 agosto 1946, sulla spiaggia polesana di Vergarolla, la comunità italiana della città – enclave di Zona A sotto incessante pression...

continue

  

22 marzo 1944: forse solo un'idea poté dire che cos'è il morire a Montalto

(2015 - 35')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Era il 28 febbraio del 1944, quando una trentina di giovani di Tolentino al comando del maresciallo Ennio Proietti decisero di non arruolarsi nell' es...

continue

  

Other Than Our Sea

(2015 - 10')

Genre: Adventure & Travels & Ethnography & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Dai resti di un'antica colonia greca nell'Italia meridionale, ai naufragi contemporanei nel Mar Mediterraneo, una storia di esplorazione raccontata at...

continue

  

If Only I Were That Warrior

(2015 - 72')

Genre: Biography & History
Synopsis: 12 Agosto 2012: il comune di Affile (RM) inaugura un monumento dedicato al gerarca fascista Rodolfo Graziani, generale durante la Guerra d’Etiopia del...

continue

  

Una nuova scintilla

(2014 - 66')

Genre: Docu-Reality & History
Synopsis: “Una Nuova scintilla” prende origine dalla scoperta della regista di avere avuto un nonno partigiano, tipografo clandestino durante il biennio resiste...

continue

FILMS

Italiani per Scelta


Titolo inglese: Italians by choice
Anno: 2012
Durata: 49'
Regista: Nevio Casadio
Direttore della fotografia: Fabrizio Fantini
Producer: Chiara Roncagli

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: History & Human Interest
Tema: Guerra & Conflitti - Popoli & tradizioni - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 10-02-2012
Sito web: visita il sito

Nome: Chiara
Cognome: Roncagli
Società: LaDamaSognatrice Produzioni Audiovisive in HD
E-mail: produzione@ladamasognatrice.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Tra il 1944 e la fine degli anni Cinquanta gran parte degli italiani residenti a Fiume, Istria e Dalmazia, abbandonò la casa, il lavoro e gli affetti. Secondo le stime più attendibili, un numero oscillante tra 300.000 e 350.000 unità. Donne, uomini, vecchi e bambini costretti all’esilio, spinti dalla perdita delle proprie terre, cedute alla Yugoslavia di Tito che aveva appena vinto la guerra di liberazione contro il nazi-fascismo. Un esodo drammatico, indotto in prima persona dal medesimo Tito che, a partire dal 1945, aveva inviato in Istria diversi agenti allo scopo di indurre gli italiani ad andar via, adottando la stessa arma di chi aveva sconfitto: l’arma del terrore. Prima e durante questo esodo, altre migliaia di italiani furono uccisi: i loro corpi scaraventati nelle foibe o annegati nel mare davanti a Zara. Un intreccio di vendette, giustizialismi sommari e rivalse sociali. Un’autentica pulizia etnica per sradicare la presenza italiana da quella che era, e cessò di essere, la Venezia Giulia.