Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Due Volte Delta: Per soli uomini - Il pesce siluro è innocente

(2014 - 140' x 2)

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Film in 2 parti: "Il pesce siluro è innocente" (80'), "Per soli uomini (60'). Vite che si svolgono lungo il fiume, seguendone il...

continue

  

Il Fiume Po

(2014 - 52')

Genre: Adventure & Travels & Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: Un viaggio lungo le sponde del Fiume Po, il più grande fiume d’Italia che nasce ai piedi del Monviso a Pian del Re in provincia di Cuneo ad un...

continue

  

L' isola che c'era

(2014 - 10')

Genre: Arts & Culture & Biography & History
Synopsis: Nel 1954 il regista rodigino Renato Dall’Ara, con l’aiuto di un gruppo di amici e compagni comunisti cinefili polesani, realizza da autodidatta e quas...

continue

  

Figlio del delfino

(2004 - 38')

Genre: Arts & Culture & Ethnography
Synopsis: il delfino rosa (o boto) è un animale poco conosciuto al pubblico per lo sterminio provocato dalla pesca di frodo, dalla deforestazione e dall'...

continue

  

Figli di Maria

(2015 - 70')

Genre: Biography & History & Human Interest
Synopsis: Viaggio tra i ricordi della prima guerra mondiale, custoditi nelle trincee del Friuli Venezia Giulia. 'Figli di Maria' è un documentario di cre...

continue

FILMS

Trenutek reke /Il tempo del fiume


Titolo inglese: Timeless river
Anno: 2010
Durata: 63'
Regista: Anja Madved & Nadja Veluscek
Società di produzione: Kinoatelje

Colore: Color / B&W
Formato: BETACAM SP
Lingua originale: italiano e sloveno
Sottotitolo: inglese
Genere: Nature & Environment
Tema: Ambiente - Natura & Paesaggi
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto

Nome: Martina
Cognome: Humar
Società: Kinoatelje
E-mail: martina@kinoatelje.it

Sinossi:
L’Isonzo è stato da sempre un fiume di confine. Il suo corso relativamente breve collega due mondi diversi: le Alpi e il Mediterraneo. Non a caso il fiume sembra avere due personalità, riflesse dai suoi due nomi: Soca, nome femminile, e Isonzo, nome maschile. E’ un fiume ricco di contraddizioni, molto attraente, ma altrettanto pericoloso, famoso per il colore smeraldo ma anche per le battaglie sanguinose. La Prima Guerra Mondiale non ha distrutto solo la vita, i villaggi e i campi, ma anche il rapporto che l’uomo aveva con la natura. I sopravvissuti hanno dovuto ricominciare da zero e sembra che ancora oggi si viva in quel mondo ricostruito frettolosamente. Di chi è oggi l’Isonzo? La Slovenia lo ruba all’Italia con le dighe, l’Italia ne spreca le acque con un’irrigazione smodata. Le imprese edili ne saccheggiano la ghiaia e l’industria ne inquina le acque con le discariche. Gli appassionati di kayak rubano l’Isonzo ai pescatori e i pescatori lo rubano ai pesci. In tutto questo intrecciarsi di interessi contrapposti ci si dimentica che l’Isonzo appartiene in primo luogo a se stesso e che il ruolo essenziale che svolge da milioni di anni è importante per tutti.


Festival:
Festivals: XXI Trieste Film Festival (Trieste, Italy), Sguardi Altrove (Milano, Italy), Un film per la pace festival (Medea, Italy), ETNOFILMfest (Rovigo, Italy), Ischia film festival (Ischia, Italy), Dnevi etnografskega filma (Ljubljana, Slovenia), Sondrio film festival (Sondrio, Italy), XXIX Premio Sergio Amidei (Gorica, Italy), 13. Festival slovenskega filma (Portorož, Slovenia), Postaja Topolove (Italy, 2010), Festivalbruna (Italy, 2010), Dnevi knjige in vina (Slovenia, 2010), Dnevi dokumentarnega filma (Slovenia 2010), Dokubazaar (Slovenia, 2010), Premio Alpi Giulie Cinema 2011 (Italy, 2011), Trento film festival (Italy, 2011), London international documentare festival (UK, 2011), Festa dei fiumi (Italy, 2011)
Awards: ETNOFILMfest, Premio Scabiosa Trenta 2011