Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

La Via Francigena, da Canterbury a Roma

(2011 - 11')

Genre: Arts & Culture & Educational & History
Synopsis: La Via Francigena è “La Via della Fede”. Fu la strada europea più importante del medioevo, la direttrice primaria fra le città d...

continue

  

Mystery Tuscany

(2011 - 52')

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & History
Synopsis: Un viaggio nei luoghi della storia e del mito. Vi innamorerete di Matelda, fuggirete dal Barone di Ferro, sentirete lo scorrere del fiume fantasma, ...

continue

  

Artù Rivelato

(2018 - 41')

Genre: Educational & History
Synopsis: In maniera continuativa dal XII secolo fino ai nostri giorni, autori e artisti hanno usato vari modelli – dal romanzo al cartone animato- creando var...

continue

  

The Middle Ages: Oppidum Repugnat

(2008 - 52' x 6)

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Oppidum Repugnat fa parte di una serie di 6 puntate, intitolata The Middle Ages. Si presenta come un omaggio appassionato al periodo storico, alle at...

continue

  

Il profumo del tempo delle favole

(2016 - 65')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Un uomo (Giorgio Pressburger) è alla ricerca, tra dubbi e tormenti, dei segni della propria fede, mettendo a nudo la sua esperienza, scardinand...

continue

FILMS

La Via Francigena in Toscana


Titolo inglese: The Via Francigena in Tuscany
Anno: 2011
Durata: 24'

Colore: Color
Formato: DVCAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: english
Genere: Docu-fiction & History & Nature & Environment
Tema: Architettura - Natura & Paesaggi - Popoli & tradizioni - Storia antica
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 15-11-2011

Nome: Tiziano
Cognome: Biasioli
Società: Biasioli Film - Belle Epoque film
E-mail: tizianobiasioli@belleepoquefilm.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Esiste, nel cuore dell’Europa, una strada, la Via Francigena, che da secoli conduce il viandante sul cammino della fede. Il film segue l’incredibile e imprevedibile viaggio in terra Toscana, da San Gimignano a Monteriggioni, di un gruppo di pellegrini del 2000 vestiti e viaggianti come nel 1200. Lasciato San Gimignano ed entrati nella foresta, il primo incontro è con due guardie che chiedono il pedaggio; sopra di loro, impiccato ad un ramo, un bandito come monito a chi volesse importunare i pellegrini. Più avanti l’incontro con il prode Metenio che gira il mondo alla ricerca di donne per la sua truppa assieme ad una strana bestia simile a un cammello. Al primo guado, la prima difficoltà: i pellegrini sono assaliti da briganti, ma la scorta mette in fuga i malfattori. Dopo una sosta presso l’antica torre di guardia sulla Valdelsa, un breve cammino e incontrano un prete dell’Abbazia di Nonantola in preghiera, che esibisce un pezzo del legno della croce di Nostro Signore. Si prosegue e, improvvisamente in lontananza, si vedono delle figure di cavalieri poco amichevoli. La scorta senese respinge l’attacco e i pellegrini possono riprendere il viaggio, ma dolci note li distolgono: provengono dalla Badia di Coneo dove i frati li ristoreranno in una suggestiva ambientazione. Dopo aver dormito su umili giacigli, si svegliano rinfrancati e arrivano a veder di lontano Abbadia a Isola, fondata nel 1001. Scortati da cavalieri, si compie l’ultimo tratto di strada fino al castello di Monteriggioni, dove i pellegrini terminano il viaggio, festeggiati dalla cittadinanza del terzo millennio.