Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

La Parte che resta

(2015 - 60')

Genre: Biography & Ethnography & Human Interest
Synopsis: Modena, quartiere San Cataldo. Tra il cimitero e i binari ferroviari sorge il centro di accoglienza Caritas Porta Aperta. Agli ospiti del dormitorio &...

continue

  

GLI INQUILINI DELLA RIFT VALLEY

(1992 - 18')

Genre: Ethnography & History & Human Interest
Synopsis: Intervista al Paleontologo dr. Richard Leakey sulla scoperta dell'Homo Habilis e gli abitanti della Rift Valley...

continue

  

Maputo - A Low Budget Dream

(2014 - 68')

Genre: Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: C'era una volta una bella città che nacque dal mare. Tira vento in città: è vento di cambiamento, un vento che c'è sempre...

continue

  

COMBATTERE L'AIDS NEGLI SLUMS DI NAIROBI

(2009 - 8')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Il 70% della popolazione di Nairobi vive in baraccopoli dove l'aspettativa di vita è inferiore di 10 anni alla media di 53 anni dei kenioti. U...

continue

  

Avenida Maracanã

(2014 - 78')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Rio de Janeiro. Mentre gli occhi del mondo sono puntati sul Mondiale di calcio e le proteste a esso legate, le gioie e i dolori di un Paese per la pro...

continue

FILMS

Industry Hotel


Titolo inglese: Industry Hotel
Anno: 2011
Durata: 145' x 6 episodi
Regista: Gianpaolo Rampini

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: swahili, english, luo, kikuyu
Sottotitolo: english, italian
Genere: Human Interest
Tema: Diritti umani - Economia - Emarginazione sociale
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione
Data Uscita: 15-03-2012

Nome: Gianpaolo
Cognome: Rampini
Società: Invisible Cities aps
E-mail: razman.jan@gmail.com

Sinossi:
Nella zona industriale di Nairobi (dove recentemente purtroppo c’è stato il grande incendio che ha causato 118 morti carbonizzati), in una baracca gestita da “Chief” chiunque può avere un piatto caldo. Attraverso le storie visuali dei suoi clienti, Chief ci porta a vedere gli effetti della globalizzazione economica che ha creato progressivamente una città doppia: la città dei consumi e quella degli scarti. Il film parla parla delle cause della formazione degli slums, di come un’amministrazione sbagliata delle risorse, abbia impoverito le campagne e costretto le tribù a migrare in città e di come i centri urbani si siano trasformati in immensi contenitori di persone che vivono senza servizi, nè diritti, in condizioni al limite della sopravvivenza. Si parla della forza lavoro a basso costo che questa massa rappresenta per le grosse industrie straniere che investono in Kenya. Insieme alle cause vengono osservate anche le conseguenze del sovraffollamento disorganizzato e della povertà anche sociale che nasce dal disgregamento della civiltà tribale e dalle commistioni tra culture diverse: abusi, violenze, madri abbandonate e bambini di strada. Rampini li osserva da vicino mostrando luoghi infernali, ai margini dei margini, nelle discariche, popolate da bestie ed esseri umani alla stessa stregua che cercano tra i rifiuti del mondo, un modo per sopravvivere.