Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Gli Occhi più azzurri

(2011 - 46')

Genre: History
Synopsis: Quello che resta delle città dopo i bombardamenti è solo miseria e distruzione. Il popolo italiano è diviso da una scelta che in...

continue

  

La Collina della Serenità

(2013 - 45')

Genre: Human Interest & Kids
Synopsis: «È meglio una misera famiglia al miglior istituto»: era questa la filosofia sposata fin dagli anni Cinquanta da Zita Lorenzi nella ...

continue

  

Il mondo di Nermina

(2014 - 54')

Genre: Human Interest
Synopsis: Nermina ritorna in Bosnia con il marito e i figli. Malgrado i ricordi di guerra e la disoccupazione, la donna è determinata a ricostruire la su...

continue

  

Figli di chi si amava

(2012 - 50')

Genre: Educational & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Il documentario Figli di chi s’amava nasce come unico reportage che racchiude in cinquantadue densi minuti un viaggio nell’universo della separazione ...

continue

  

Il Segreto

(2013 - 89')

Genre: Arts & Culture & Kids & Personal Viewpoint
Synopsis: In molti quartieri di Napoli la raccolta degli alberi per il falò del giorno di Sant’Antonio è una tradizione, un rito, un gioco avventu...

continue

FILMS

Pasta nera


Titolo inglese: Black pasta
Anno: 2011
Durata: 52'
Regista: Alessandro Piva
Società di produzione: Cinecittà Luce Spa
Distribuzione: Cinecittà Luce Spa

Colore: Color / B&W
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 4:3
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: History
Tema: Guerra & Conflitti - Infanzia & Adolescenza - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto

Nome: Simona
Cognome: Agnoli
Società: Cinecittà Luce
E-mail: s.agnoli@cinecittaluce.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
1945. La guerra è finita e l’Italia è devastata. Nel clima di collaborazione delle forze anti-fasciste per ricostruire il paese, migliaia di famiglie di lavoratori del centro nord aprono le loro case a decine di migliaia di bambini provenienti dalle zone più colpite e di più antica miseria del Meridione. Su quelli che vengono chiamati “i treni della felicità” circa 70.000 bambini si lasciano alle spalle povertà e macerie per vivere l’esperienza dell’ospitalità in un’altra famiglia. I protagonisti di questa storia, ormai nonni, ricordano con i loro occhi bambini quest’incredibile esperienza.


Note:
Controcampo - Festival di Venezia 2011