Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Plastic River

(2019 - 15')

Genre: Docu-Reality & Nature & Environment
Synopsis: Plastic River è un documentario incentrato sull’impegno annuale di un ragazzo milanese, che a bordo del suo kayak risale i laghi e fiumi lombar...

continue

  

Ci vuole un fiore

(2017 - 52')

Genre: Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: Nel 2008 nel quartiere più antico della città di Roma, alla Garbatella, è nato il primo orto urbano di Roma. Il palazzo della reg...

continue

FILMS

God save the green


Titolo inglese: God save the green
Anno: 2012
Durata: 52'
Regista: Mellara Michele & Rossi Alessandro
Autore: Mellara Michele & Rossi Alessandro
Direttore della fotografia: Mellara Michele & Mensa Marco
Montatore: Duretti Marco
Musiche: Zamboni Massimo
Producer: Ilaria Malagutti
Società di produzione: Mammut Film S.r.l

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano, inglese, francese, ara
Sottotitolo: inglese
Genere: Investigation, Reportage & Current Affaires & Nature & Environment
Tema: Ambiente - Globalizzazione
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-12-2012
Sito web: visita il sito

Nome: Ilaria
Cognome: Malagutti
Società: Mammut Film srl
E-mail: malagutti@mammutfilm.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Negli ultimi anni, dovunque nel mondo, individui e piccoli gruppi di persone hanno cominciato a coltivare ortaggi nei loro fazzoletti di terra (giardini, orti, balconi, terrazze, spazi abbandonati delle città). Lo fanno perché esigono cibo fresco e salutare, perché vogliono cambiare in meglio il posto in cui vivono ed aumentare la qualità della loro vita. "God Save the Green" racconta storie di gruppi persone che, attraverso il verde urbano, hanno dato un nuovo senso alla parola comunità ed allo stesso tempo hanno cambiato in meglio il tessuto sociale e urbano in cui vivono. La narrazione sviluppa un mosaico di storie: l’ultimo giardino in uno dei più popolati quartieri di Casablanca (Marocco); coltivazioni idroponiche gestite da un gruppo di donne a Teresina (Brasile); orti comunitari a Berlino (Germania); coltivazioni all’interno di sacchi nella bidonville di Nairobi (Kenya); giardini pensili a Torino e Bologna (Italia); guerrilla gardening a Berlino. Il film non racconta solo la necessità del verde urbano ma anche la bellezza della natura che gestita da comunità può rendere migliori le città in cui abitiamo e lo fa anche usando una narrazione poetica basata sui testi di Karel Capek e di R. Borchardt, testi recitati da Angela Baraldi accompagnati da una partitura musicale composta da Massimo Zamboni. L’affresco di un mondo che attraverso il verde urbano ha ridefinito la propria esistenza.


Note:


Festival:
Premi e Festival Premio Skylogic Giornate Europee dell'audiovisivo, Torino Miglior documentario, Costa Rica International Film Festival Miglior documentario lungometraggio, Ecologico International Film Festival, Nardò (LE) Premio Parco Colli Euganei, Euganea Festival
CMS Vatavaran Film Festival, New Dehli, India 2013 20th Barcellona International Environmental Film Festival Kasserel Dok Festival, Germania, 2013 International Environmental Film Festival, Rio de Janeiro, Brasile 2013 Sotto le stelle del Cinema, Bologna 2013 Clorofilla Film Festival, Rispescia (GR) 2013 Cinema del reale, Specchia (LE) 2013 Coinvolgimenti, Massafra (TA) 2013 Bellaria Film Festival, Bellaria (RN) 2013 Festival delle Culture, Ravenna 2013 Paniculture Festival, Bologna 2013 Ecofalante Environmental Film Festival, San Paolo, Brasile 2013 Rassegna Inscape/Landscape - paesaggi nel secolo nuovo, Interzona, Verona 2013 Visioni Italiane, Bologna 2013 Worldfilm Festival of Visual Culture, Tartu, Estonia 2013 This Human World International Film Festival, Vienna 2012